La Tensione Sessuale

Da: Alessandro Rotello

Fondatore di EiaculazionePrecoceOnline.it 

 

Tieni sempre bene a mente che i preliminari uniti alla comunicazione ed alla vostra connessione emotiva, permetteranno alla donna di  avere una sua percezione dell’esperienza molto particolare, passionale ed eccitante. Questi fattori la porteranno all’orgasmo. È inutile che il rapporto sessuale duri 50 minuti (per fare un esempio) se poi non ti impegni abbastanza con lei. L’orgasmo non è dato necessariamente solo dalla durata della penetrazione ma dalla qualità dell’intero rapporto!

Ma parliamo prima dei fattori che accompagnano i preliminari verso un’adeguata eccitazione.

Per “comunicazione” non s’intende necessariamente quella verbale ma, più che altro, si tratta di quello che riuscite a comunicarvi attraverso le emozioni, gli sguardi e le effusioni. Da questo nasce la connessione emotiva tra te e la tua partner è molto importante in quanto moltissime donne hanno bisogno di sentirti emotivamente legate a te per riuscire a lasciarsi andare. Se questi fattori sono presente, lei riuscirà a raggiungere l’orgasmo con maggiore facilità.

Ovviamente ogni donna è diversa ed ogni rapporto è diverso. Quindi è possibile anche che lei si lasci completamente andare con te nella prima notte semplicemente perché è il suo carattere. Oppure può essere che ci sia una fortissima attrazione tra voi che vi porti a buttarvi l’uno nelle braccia dell’altra guidati da una passione sfrenata che non vi faccia neanche avere il tempo di riflettere!

Arrivati a questo tipo di connessione, che sia emotiva o strettamente (ed estremamente) passionale, dovrai avere in mente una buona mappa delle zone erogene di una donna è per poter attuare la tecnica della tensione sessuale.

Zone erogene meno sensibili:

  • I capelli
  • Le labbra
  • Il collo e la zona dietro le orecchie
  • Le mani, il polso, la parte interna del gomito
  • Le caviglie ed i piedi

Zone erogene più sensibili:

  • Il seno ed i capezzoli
  • L’interno della coscia
  • La vagina (sia esternamente che internamente)
  • Il clitoride

Come sai, per preliminari si intende la stimolazione manuale e orale, baci, carezze, ecc. …

Ma cos’è la tensione sessuale?

Si tratta di una sensazione di forte desiderio sessuale verso qualcosa che non si può avere in un determinato momento e quindi si tende a volere quel “qualcosa” sempre di più.

Esempi:

  • Sai che una donna vorrebbe fare sesso con te e la fai aspettare.
  • Vuole uscire con te perché le piaci da morire e la fai aspettare.

In entrambi i casi, però, continui a flirtare con lei. Questo crea un senso di attesa che fa aumentare ancor più il desiderio di lei nei tuoi confronti.

Allo stesso modo succede attuando la tecnica della tensione sessuale.

Ecco cosa dovrai fare:

  1. Comincia a baciarla e a stuzzicare le sue zone erogene meno sensibili.
  2. A questo punto inizia a “prenderla in giro”: anticipale quello che le farai in seguito… alternando la stimolazione delle zone meno sensibili con quella delle zone hot. Dedica solo mezzo minuto a seno, capezzoli, interno della coscia, vagina e clitoride (ovviamente uno alla volta ed alternandoli baci e carezze a capelli, collo, orecchie, ecc. ). Considera come se tu facessi “due passi avanti, uno indietro, tre avanti, due indietro”, come per esempio:
    collo > capezzoli > interno coscia > labbra > vagina > seno > labbra > collo > clitoride…
  3. Solo quando è particolarmente eccitata, passa ad una vera e propria sessione di sesso orale o di stimolazione manuale di vagina e clitoride.
  4. Quando meno se lo aspetta, perché non è più “capace di intendere e di volere”, penetrala.

Considera che questa fase non dovrebbe durare meno di 20 minuti. Ma ovviamente ti renderai tu conto di quanto la tua donna è eccitata. Ma non dovrai basarti semplicemente su gemiti, sospiri ed urla ma anche su i segnali di piacere che non possono essere male interpretati:

  • Lei avvicina il suo bacino verso di te.
  • Senti che ha degli spasmi muscolari a cosce e/o  addome.
  • Inarca la schiena.
  • Aumenta la sua temperatura corporea.
  • Le si arrossa la pelle del viso.

Questi sono i segnali che ti comunicheranno che stai facendo un buon lavoro e, quando ti renderai conto che lei non ne può più (nel senso buono), vuole e cerca qualcosa di più, vuol dire che la tensione sessuale è presente nel suo corpo alla massima potenza.

Vedrai che nel momento in cui la penetrerai, lei potrà anche arrivare all’orgasmo prima di te ed anche più volte di te. A volte bastano veramente anche 10 secondi di coito per farla venire. La stessa cosa vale anche nel caso tu le abbia donato un orgasmo durante i preliminari: penetrandola subito dopo, lei avrà altri orgasmi e sarete entrambi estasiati e soddisfatti!

A questo punto non solo non ti preoccuperai più dell’eiaculazione precoce ma non lo farà neanche lei perché rimarrà sempre soddisfatta e ricorda che una donna, quando è soddisfatta sessualmente ricambia con molta passione e non “scapperà” nel letto di un altro.

In conclusione, questa tecnica è basata sulle “anticipazioni” che le darai che creeranno questo importantissimo fattore che è appunto la tensione sessuale.

Inoltre, tutte le volte che ritornerai a stimolare lo stesso posto lei sentirà molto più piacere della volta precedente… La cosa ecciterà tantissimo anche te perché sai che lo stai facendo con consapevolezza e ci stai riuscendo.

Questo è il metodo migliore per creare la tensione sessuale ideale. Probabilmente non farà durare tanto di più te, ma farà durare molto meno lei e, per un tuo orgasmo, probabilmente lei ne avrà tre!

Sfrutta questa tecnica tutte le volte che puoi, dimenticherai l’eiaculazione precoce, il tempo che passa e lei sarà sempre più legata a te e rimarrà sempre soddisfatta insieme a te.

Se vuoi sapere altre tecniche per aumentare la tua durata da questa notte, leggi la presentazione del mio corso

>> Vai alla presentazione